lunedì 8 dicembre 2008

la mia ombra

Luna,prima fai capolino
dalla cima del monte
poi ti nascondi tra le nubi.
Il grigio irreale della tua luce
mi fa sognare,
mi fa pensare
mentre la mia ombra
un pò sfumata gioca sopra un muro,
gioca a nascondino,
sparisce quando torni a nasconderti
tra le nubi.
Non c'è più la mia ombra
ma io ci sono,
in silenzio a pensare.

2 commenti:

giomede ha detto...

Ciao Giafer bella questa poesia, chissà quante volte questa situazione è successa anche a noi senza riuscire a valutarne il lato poetico che solo tu sai cogliere.
Anche l'ombra trasmette sensazioni,le più importanti, quelle esistenziali.
Complimenti e un saluto

feltroanch'io ha detto...

Ciao, ho capito chi sei, anche se io ti ho sempre chiamato zio.
Non è stato difficile riconoscerti, basta leggere le tue passioni,e io, che ti conosco da 42 anni ci ho messo un attimo.
Un saluto anche alla zia

Silvia